Paluzza – presentazione del libro “Terra cosacca”

bbb1

Annunci

1 Comment

  1. Non se ne può più dei cosacchi! Libri volumi, che pare siano sempre più distanti dalla realtà e stiano creando il mito romantico dei cosacchi! Leggete invece il volume di Marina Di Ronco che ha tradotto testi dal russo, leggete il Martirio della Carnia di Michele Gortani. La dislocazione dei cosacchi in Friuli è già nota e pubblicata, è inutile secondo me mandare ragazzini delle medie ad intervistare, o puntare alle fonti orali. Così finiremo per vedere i cosacchi in modo romantico e non realista, come idoli anticomunisti e non collaborazionisti nazisti, contro il popolo russo! E coloro che morirono a milioni per l’invasione nazista, fascista con cosacchi a dar man forte, furono famiglie russe, uomini, donne bambini, che erano comunisti perchè lo stato comunista, a differenza di quello zarista, stava dando loro pane un tetto e l’uscire dalla schiavitù reale. Andate almeno al museo di Caen in Francia, ove vedrete che accadde in Russia, durante la seconda guerra mondiale e quell’invasione, andate per cortesia. E i cosacchi, russi, si unirono a chi stava invadendo la loro terra, e uccisero russi, come loro. Che poi ad Ovaro si sia presentato questo volume, poi fatto un convegno , poi una mostra, su chi ha fatto una vera strage ivi, mi pare invero eccessivo, come questo amore per “colbacco e balalaica” attuale. Senza offesa, ma mi pare sia ora di finirla. Avrei poi più di una cosa da dire su metodo e fonti di questo autore, se sono quelli che si trovano su Mario Blasoni, Il nuovo libro di Franzolini racconta gli anni del “Friuli cosacco”, in Messaggero Veneto, 17 luglio 2015! Gli anni del friuli cosacco è poi titolo non corretto perchè i collaborazionisti nazisti che ci cacciarono dalle case, struprarono violentarono, rubarono, uccisero, presero bestie e fieno, ospedale e forno cooperativo, togliendolo ai carnici e ridussero la Carnia alla povertà, restarono qui meno di un anno.
    Cumò vonde, parplasei! Laura Matelda Puppini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...